Viagra a donne incinte, morti 11 bambini

By | Luglio 25, 2018

Una notizia che viene dall’Olanda sta lasciando tutti senza parole. Alcuni medici hanno prescritto viagra a donne incinte. Sono già morti 11 bambini e il numero sembra esser destinato a salire.

Viagra per la crescita del feto?

Negli ultimi tempi in Olanda è attivo uno studio scientifico davvero particolare. Quale sia l’uso del viagra è un qualcosa che conosciamo tutti, dato che questo che ha lo scopo di aiutare l’uomo contro le disfunzioni erettili, potrebbe essere usato ampiamente e diversamente nel mondo medico. Tale teoria sarebbe sostenuta dal ginecologo  Wessel Ganzevoort, secondo il quale il viagra potrebbe avere dei benefici nella crescita del feto in quelle gravidanze dove vi è una notevole difficoltà.

Morti 11 bambini

La sperimentazione del viagra in gravidanza è stata avviata in dieci ospedali di Amsterdam. Da tempo nella capitale dell’Olanda viene prescritto il viagra a donne incinte, al fine di aiutare la crescita del feto. Il risultato però al momento è stato davvero drammatico, dato che sono già morti 11 bambini a causa di tale prescrizione. Lo scopo dello studio di Wessel Ganzevoort sarebbe stato quello di aiutare la crescita del feto nelle gravidanze a rischio, migliorando la circolazione del sangue nelle donna attraverso appunto il viagra.

“Pensavamo di poter dimostrare un effetto positivo”

Nel corso di queste ultime ore è in corso un vero e proprio attacco mediatico al dottor  Wessel Ganzevoort, responsabile della ricerca, e l’equipe medica che lo sta aiutando. L’esperimento, cominciato nel 2015, pare che si stia dimostrando un fallimento totale. A commentare l’accaduto è stato lo stesso Wessel Ganzevoort: “Pensavamo di poter dimostrare un effetto positivo sulla crescita del bambino e invece è accaduto l’opposto, l’ultima cosa che volevamo era far del male ai pazienti“. La ricerca scientifica condotta da Ganzevoort è stata interrotta con effetto immediato, mentre non si interrompe il monitoraggio sul resto delle pazienti incinte che hanno assunto il farmaco in gravidanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.