Come avere una casa a misura di gatto

By | Settembre 20, 2018

Avere un gatto in casa, qualunque sia la razza, che sia stato acquistato dopo aver consultato Souldwild.it oppure no, significa ribaltare completamente gli spazi domestici. I felini hanno bisogno di vivere in ambienti accessibili, che rispecchino anche la loro personalità e le loro esigenze.

Uomo e gatto vivono un rapporto di convivenza peculiare, in cui ognuno prova a mantenere invalicabili i propri spazi, e dove le necessità di ambedue le parti vanno rispettate. Tuttavia la casa richiede di essere quantomeno modellata nei limiti del consentito per ospitare alla perfezione un felino.

Casa a misura di gatto: piccoli spazi o grandi spazi

Il gatto è l’animale domestico che si distingue per la sua indipendenza e per la sua autonomia dall’uomo (contrariamente al cane). La sua continua ricerca di privacy e allo stesso tempo anche di amore fanno del micio un animale peculiare da tenere in casa.

Per quanto riguarda gli spazi domestici, il gatto ha bisogno di grandi e piccoli spazi. Confusi? No, semplicemente ha bisogno dei piccoli spazi per il suo relax, e dei grandi spazi in cui saltare e giocare. Questo è il motivo per cui convivere con un micetto vuol dire optare per un arredo semplice senza troppi addobbi, senza eccessi, e che sia sicuro e di tendenza contemporaneamente. Grazie al giusto equilibrio tra spazi, design e necessità, il rapporto gatto uomo non verrà mai compromesso.

Casa a misura di gatto: come trasformarla

Affinché l’attenzione del gatto sia rivolta ad altro e non ai nostri mobili e suppellettili, si possono usare di trucchi strategici che ci lasceranno in ordine la casa. Si potrebbero dunque posizionare dei tiragraffi in giro per la casa, così che il gatto si limi le unghie su ripiani appositi e non su tende e mobili. Le posizioni dell’accessorio felino devono essere furbe perché vadano all’occhio del micio in modo tale che ogni mobile resti al riparo e in tranquillità. Volendo in prossimità del tiragraffi si può mettere qualche crocchetta per attirare anche il fiuto e la gola del gattino.

Sfruttare ogni angolo per una casa a misura di gatto

Fase relax: abbiamo detto piccoli spazi. Quindi bisogna ritagliare un angolo apposito per mettere la cuccia, in una posizione che sia lontana da rumori e noie. Una cuccia fatta di comodi cuscini, o di una scatola graziosa, che dia quella sensazione al gatto di fiducia e protezione.

I gatti sono animali gelosi che non amano condividere le loro cose, quindi anche per questo motivo l’angolo relax e l’angolo toilette devono essere appartati e non alla portata di tutti. Le ciotole vanno messe ai piedi della cuccia, e quella dell’acqua deve essere costantemente piena.

Un altro angolo importante è quello dei giochi, il quale deve contenere ogni cosa del gatto, qualunque oggetto cioè sia in grado di farlo divertire senza distruggere le nostre cose. Un’idea carina potrebbe essere nascondere le crocchette qua e là per giocare con il micio ad una sorta di caccia al tesoro (occhio però a toglierle qualora non dovesse trovarle).

Attenzione invece a tenere il gatto a debita distanza da lavatrice, lavastoviglie, che, comunque siano, rappresentano ostacoli e pericoli per l’animale. Stesso discorso per piante e fiori, se per noi infatti sono belle da tenere, per i mici si apprestano ad essere quasi un veleno: tanto quanto detersivi e prodotti per l’igiene personale che potremmo lasciare inavvertitamente in giro per casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.